Prima della Catastrofe. Percorsi Etnografici 3302

 

Prima della Catastrofe. Percorsi Etnografici 3302

“Prima della Catastrofe. Percorsi Etnografici 3302” è un’attività laboratoriale creata da giulia deval che indaga i processi di co-creazione attraverso lo storytelling, le dinamiche del gioco e la manipolazione del nastro magnetico. L’attività porta alcuni partecipanti selezionati attraverso un’open call alla scrittura collettiva e alla messa in scena di un finto congresso di etnografia ambientato nell'anno 3302, sviluppato nel formato podcast.
Prima della Catastrofe pone al centro la finzione come strumento per penetrare nelle strutture linguistiche dei linguaggi settoriali come quello etnografico e utilizza lo stile mockumentary per relazionarsi al discorso post-coloniale, al femminismo e più generale alle narrazioni sul presente.
Il punto di partenza del gioco è un materiale realmente ritrovato da giulia deval che consiste in più di 50 cassette contenenti lezioni di parapsicologia.
La creazione di un falso reperto sonoro - attraverso diverse tecniche di hacking del nastro magnetico – e la traduzione/interpretazione di esso da una prospettiva etnografica futura sono le pratiche che portano il gruppo a scrivere una narrazione collettiva.
La location dove il laboratorio si svolge cambia di volta in volta, diventando il pretesto per una scrittura site-specific e per un esercizio di straniamento.

Il progetto ha superato le preselezioni del Pierre Schaeffer Award indetto da INA GRM, GMVL, Phonurgia Nova ed Euphonia risultando tra i migliori 11 progetti del 2019 ed è stato sviluppato durante una Residenza Internazionale presso il centro di ricerca audiovisuale Hangar.org di Barcellona, con il sostegno di MOVIN’UP – SPETTACOLO PERFORMING ARTS 2020 di GAi – Giovani Artisti Italiani del MIBACT nel 2020.

# # #

w/ Giulia Deval

Giulia Deval è una cantante e sound artist italiana. Il suo lavoro si articola in formati diversi come live set, creazione di abiti sonori, concerti di personaggi immaginari e azioni partecipative per voci e nastri magnetici. Nel 2020 ha pubblicato il suo primo album Terrapolis per Ambient Noise Session.

Giulia deval is an italian singer and sound artist. Her work moves between different formats such as live sets, creation of sound clothes, concerts of imaginary characters and participatory actions for voices and magnetic tapes. In 2020, she released her first album Terrapolis for Ambient Noise Session.

Podcast

01/10/2021

Ep. 1

Share

Tre nastri magnetici ritrovati in tre posti diversi: in quella che un tempo era la città di Torino (e che ora si configura come un villaggio di palafitte nel Mar Adriatico - in seguito all’avanzata della Laguna Padana), l’antica area del Mugello in Toscana e la cittadina di La Mottes d’Aigues, in Provenza.
Questi nastri appartengono alla civiltà estintasi con la Grande Catastrofe, avvenuta, per quanto ne sappiamo, attorno 2030. I loro titoli risultano più che mai enigmatici alla comunità scientifica contemporanea: “Le 5 abitudini delle persone altamente produttive”, “Essenze Floreali. Un Cammino”, “Vivere la morte. L’arte di morire spiritualmente”.
Tre ricercatrici dell’istituto M.A.F.E. (Museums and Associations for Etnographies) proveranno a spiegarcene il contenuto.

Esito del laboratorio Prima della Catastrofe. Percorsi Etnografici 3302, realizzato da Giulia Deval insieme a Elena Quaglia (Erika Quarzi), Marta Cellamare (Maria Certani) e Aude Lorrillard (Bé-rangère Lashark).

Tracklist:

  1. Space Lady – Ghost riders in the sky (excerpt)