Mentis Oculi

 

Mentis Oculi

“Come un l’infuriare della peste, il teatro è benefico, spingendo gli uomini a
vedersi quali sono, facendo cadere la maschera, mettendo a nudo la menzogna,
la rilassatezza, la bassezza e l'ipocrisia” [1]
Come finzione ed immedesimazione il teatro è un’occasione di svelamento ed
azzeramento, lasciandosi sopraffare da visioni simultanee; una dolce
sublimazione, echeggiando alla rinascita ed al rinnovamento.
Questo é il mio tepidario, dove possiate immergervi, in morbi ed umori dilaganti,
rivelandovi all’oscura potenza, sublimando ardimenti eroici. c’è così tanto bene
nel peggiore di noi [2].
E’ una tecnica antica, che consiste nell’immaginare ambientazioni e situazioni
nella propria mente per provocarne la materializzazione e l’accadimento nella
realtà, sino ad arrivare ad una condizione di trance, connettendo il corpo
eterico a quello fisico, progredendo nell’atto creativo, coinvolgendo l’uomo
nella sua totalità: è tutto l’individuo che genera un altro da sé dal suo stesso
essere, un altro da sé distante e autonomo [3].

1.Antonin Artaud “Il teatro ed il suo doppio”
2.Edgar Cayce, “Remedies”
3.Jaques Lecoq “il corpo poetico”

w/ Beatrice Manigrasso

Cresco nella classe media tra mercanti e profeti dormienti, fascinando
la costante connessione tra passato e futuro.
Ho studiato teatro e design, trasversale nel mondo degli eventi e mostre.
Qui vi parlo di visualizzazioni creative. 

I grew up in the middle class among merchants and sleeping prophets, charming
the constant connection between past and future.
I studied theater and design, I'm across the world of events and exhibitions.
Here I tell about creative visualizations.

Podcast

Listen / Info
12/03/2024

IV. Garum

Share

lo spazio affaccia sulla strada 

Che a non pochi metri si trova vicino ad largo spiazzo

Nessuno, però, è per strada. 

È ancora giorno.

Tutti insieme, stretti senza spazio tra un corpo e l’atro si dimenano, in passi sincopatici. 

La luce è fioca, di un colore caldo, arriva da lontano, da dove la cassa spinge. 

Sotto le volte ad arco. 

Ogni brano passa da una mano all’altra e l’estasi catartica sublima ogni partecipante.

Il mio sguardo si aggira tra ognuno di voi.

Mi allontano. 

Ad un tratto la musica cambia, la luce diventa sempre più intensa, destreggiandosi tra i corpi in movimento. Si riversano in piazza. 

Ma la cassa ancora spinge. 

Rimango attonita a guardare, 

è forse un’allucinazione?

Sono li che ballano, evanescenti e sinuosi, si stringono nei corpi, dalla vita, stringendosi tra la dita. 

Forse è un tango.

Dei piccolo pulviscoli bianchi aleggiano nell’aria. 

Spariscono.

Nell’aria si respira malinconia.

Tracklist:

  1. 1. Carme - Daniela Pas
  2. 2. The Whip - Mary Orcher
  3. 3. Peel Me Easy
  4. 4. Terracotta - Sven Wurder
  5. 5. No Rise - TALsounds
  6. 6. Monique - Machinedrums
  7. 7. Lulua - Loris
  8. 8. Grace - IDLES
Listen / Info
16/01/2024

III. Ornamentum

Share

"Te lo immagini?"

"Spiegati meglio"

Le foglie erano secche, la terra era calda, scaldata dal sole del pomeriggio.

Il suo loden era ispido, ma si prestava benissimo a proteggerci entrambi. 

Ce ne stavamo lì a goderne del sole sul volto, vagando, ma senza parlare, con lo sguardo verso il cielo. 

"Questa storia comincia il primo giorno di autunno, che non viene quando vogliamo noi, ma arriva quando il sole con le punte dei suoi raggi, irradia nella coltre di nebbia grigia del cielo, ricamando i rami di gocce di rugiada. Lo capisci? Siamo qui sdraiati di quello che ne è rimasto del ciclo di una vita e pensarai che sia triste, o un lutto. Ed invece come un ornamento, ogni albero ne stende le sue vesti ai suoi piedi, preparandosi con nuove vesta, guardando con un occhio al passato ed un occhio al futuro, preparandosi alle gemme di una nuova vita."

Il sole scaldava in nostri volti e la terra ne gelava i corpi. 

"Siamo qui alle radici della vita, te lo immagini?"

Com'era ispido quel loden.

Tracklist:

  1. Limited Name - Yellow Swans
  2. Mustard - Ben Marc
  3. No words left - Hanakiv
  4. Leaf - Clam Casino
  5. Lurk - Oklou
  6. Maledresse - Pierre Rosseau
  7. Section 17-30 - Simeon ten Holt, Erik Hall
  8. Before I leave - Fennesz
  9. The place were we have insert the blade - Black Country, New Road
Listen / Info
21/11/2023

II. Colligens

Share

I bacini, si erano a poco a poco ritirati.
Passeggiavamo ogni giorno, per raccontarci delle storie ed insieme rincorrere le nuvole con lo sguardo, e perdersi nel confine dell’orizzonte.
L’occhio si perdeva nell’immensità, lande squallide e disperse, dove gli umori ne attiravano le nostre attenzioni.

Eravamo giovani e ci raccontavamo molte storie.

Il bacino ci mostrava nel chiarore del sole, tumulti e scheletri, mostrando l'arcano passato di quella che era la storia del posto. La mistica presneza aleggiava nell'aria, circondandoci nei manti rocciosi ed i terreni scoscesi.

Eravamo piccoli.

La anelata presenza vaneggiava nell’aria e vagando ogni giorno, circumnavigavamo il profilo del bacino ed, ogni giorno, ci raccontavamo delle storie.

Ogni giorno il bacino riaffiorava il crepuscolo.

Sulla cresta, crettata, di un manto di pietra, fredda, ci accoglievamo assieme nel respirare l’aria fredda e il blu crepuscolare ci abbracciava ad ogni contrasto.
Un presenza oscura camminava dietro di noi.
Sdraiati, ci perdevamo nello sconfinato cielo.

Molte storie si svelavano ogni giorno, sin da quando eravamo giovani, ma non lo sapevamo ancora.

Stai volando, ma ancora non lo sai.

Tracklist:

  1. It’a not allright - Aaron Dilloway
  2. Boring Angel - Oneothrix Point Never
  3. Parola - Donato Duzzi, Anna Caragnano
  4. Monique - Machinedrum
  5. Atural Magic - John Wiese
  6. Leaving - Andy Scott
  7. Open - James K, Yves Tumor
  8. Clouds at my feet - Locust
  9. Annarella - Cccp
  10. Carla del Forno - Italian Cinema
  11. Prometeo - Luigi Nono
  12. Motherboard - Daft Punk
Listen / Info
26/09/2023

I. Anthozoa

Share

La città utopica, immensa e misteriosa, di miti e leggende, capitale delle migliori
menti, dottori, scienziati, filologi e filosofi, riuniti, teorizzano il buon vivere comune.

Terra ed ingegno coesistono, una sinergia attiva. La pace irradia i deserti e la calda brezza accarezza i torrenti abbandonati.

Mia dolce amante, dove sei stata?

Anthozoa, principio attivo del corallo, è il rimedio somministrato ad ogni abitante.
Le nostre menti sono capaci di sviluppare le capacità cognitive al 70% delle proprie risorse, rafforzandosi in una costante evoluzione.

Ogni sentimento che possa e che non abbia mai avuto un apporto produttivamente attivo viene soppresso.

Mia dolce amante, dove sei finita?


Amare è soffrire. Se non si vuol soffrire, non si deve amare. Però allora si soffre di non amare. Pertanto amare è soffrire, non amare è soffrire e soffrire è soffrire. Essere felici è amare: allora essere felici è soffrire. Ma soffrire ci rende infelici. Pertanto per essere infelici si deve amare. O amare e soffrire. O soffrire per troppa felicità.

An immense and mysterious utopian city, made by myths and legends, capital of the best
minds, doctors, scientists, philologists and philosophers, gathered together to theorize the good common life.

The earth and ingenuity coexist in an active synergy. Peace radiates the deserts and the warm breeze caresses the abandoned streams.

My lovely lover, where have you been?

The active principle of the coral, Anthozoa, is a drug which is administer to each inhabitant.
Our minds can develop cognitive abilities at 70%, strengthening themselves in a constant evolution.

Any feeling that can and never has had a productively active input is suppressed.

My lovely lover, where have you gone?

To love is to suffer. If you don't want to suffer, you mustn't love. But then one suffers from not loving. Therefore to love is to suffer, not to love is to suffer and to suffer is to suffer. To be happy is to love: then to be happy is to suffer. But suffering makes us unhappy. Therefore to be unhappy one must love. Or love and suffer. Or suffer from too much happiness.

Tracklist:

  1. Love is for everyone - Nate Young
  2. State Forest - Burial
  3. Deep Distance - Ashra
  4. Duth Light on Silver Water - SQURL
  5. Melancholia I - William Basinski
  6. Into the Void - Tim Hecker
  7. Half light of dawn - Abul Mogard
  8. Break4love - Hype Williams
  9. Elegy, Part II - Gidge